default_mobilelogo

Editoriale

Scrivere, camminare.

Scrivere

Bruce Chatwin era un gran camminatore. E uno scrittore capace di affabulare, incantare con le sue storie di viaggi e paesi. Senza lasciarsi mai sfuggire l’estetica degli oggetti d’arte, a cui era morbosamente legato. Nomade inquieto (non a caso scrisse un libro intitolato “Anatomia dell’irre

...

Sulla scrittura

newsletter

Per ricevere le ultime notizie su lavoro, editoria e formazione Iscrizione newsletter

Editoria e Scrittura su Facebook

Il giorno in cui sono diventata Virginia Woolf

virginia

Sì, sono diventata Virginia Woolf. Almeno sul web. Quando? Il 21 febbraio 2012. Dove? Nella pagina Facebook La Stanza di Virginia, collegata anche alla rivista web  che dirigo. In questa  pagina scrivo liberamente, citando anche autori, a volte.

Leggi tutto...

Road book - letture di strada

road book

Leggere insieme: la comunità delle parole condivise scende in piazza e fa il giro di Roma.

 

Leggi tutto

 

 

I quaderni del MDS

La mia Istanbul

la-mia-istanbul

Viaggio di una donna occidentale attraverso la Porta d'Oriente

> Leggi il primo capitolo

> Vai a lamiaistanbul.it

Francesca Pacini a RAI1

Il blog

il blog

Il mestiere del copywriter combina la padronanza espressiva con la creatività.

Giocoliere delle parole, il copywriter  trova il modo più adatto per raccontare una determinata realtà. Deve capirla, innanzitutto, e poi determinare lo stile espressivo più congeniale, adatto a quella situazione specifica.

Uno stile che può essere serio, oppure ironico. Pieno di descrizioni o sobrio, leggero.

Di sicuro, l’esercizio creativo del copywriter richiede eclettismo e versatilità, insieme alla capacità “trasformista” di adattare linguaggi sempre diversi, sempre efficaci anche se in contesti diversi.

Insomma, uno Zelig delle parole.

Qualche esempio?

arrow Musica e geometria del profumo,  scritto per il sito La Cosmetica

arrow Cultura degli aromi, sito La Cosmetica

Una Bottega creativa, scritto per il sito La Bottega

Ma il copywriter deve anche saper giocare bene con immagini e testi, sviluppando  slogan che caratterizzano un’azienda, un personaggio, una situazione. Slogan che strizzano l’occhio alla pubblicità, alla divagazione ludica, al calembour.

 

Guarda questa homepage, in cui accanto al disegno del sartino compare la scritta: L’abito fa il monaco.

l-abito-fa-il-monaco

http://www.labottega.com/it/homepage

 

Ci piace pensare che sempre, in ogni circostanza, di debba inseguire quella “gravità senza peso” di cui parla Calvino…