default_mobilelogo

Editoriale

I corsi di editoria oggi: il mondo digitale

Chi lavora in editoria vede  questo mondo cambiare in continuazione.  La crisi del libro procede, ma allo stesso tempo il mondo digitale offre nuove opportunità. Alcune realtà  stanno implodendo ma altre stanno nascendo. Smettiamola di fare gli schizzinosi verso i kindle e le autopubblicazioni, cerchiamo invece di capire come cambiano le cose e cerchiamo soprattutto di salvare la lettura, in qu

...

Sulla scrittura

Per ricevere le ultime notizie su lavoro, editoria e formazione Iscrizione newsletter

Editoria e Scrittura su Facebook

Dicono di noi

Il giorno in cui sono diventata Virginia Woolf

virginia

Sì, sono diventata Virginia Woolf. Almeno sul web. Quando? Il 21 febbraio 2012. Dove? Nella pagina Facebook La Stanza di Virginia, collegata anche alla rivista web  che dirigo. In questa  pagina scrivo liberamente, citando anche autori, a volte.

Leggi tutto...

Road book - letture di strada

Leggere insieme: la comunità delle parole condivise scende in piazza e fa il giro di Roma.

 

Leggi tutto

 

 

I quaderni del MDS

Manoscritti d'autore

La mia Istanbul

la-mia-istanbul

Viaggio di una donna occidentale attraverso la Porta d'Oriente

> Leggi il primo capitolo

> Vai a lamiaistanbul.it

Francesca Pacini a RAI1

Il blog

Editoriali

Chi lavora in editoria vede  questo mondo cambiare in continuazione.  La crisi del libro procede, ma allo stesso tempo il mondo digitale offre nuove opportunità. Alcune realtà  stanno implodendo ma altre stanno nascendo. Smettiamola di fare gli schizzinosi verso i kindle e le autopubblicazioni, cerchiamo invece di capire come cambiano le cose e cerchiamo soprattutto di salvare la lettura, in qualunque forma e su qualunque mezzo. Perché  della crisi dell'editoria siamo responsabili tutti, non solo vaghi e  famigerati "mondi esterni", o la classica "società", o quello schifo di "televisione". Cosa facciamo noi come editori, come lettori, come editor e come consulenti per salvare la lettura? Senza cultura un paese muore, e questo paese è già in avanzato stato di decomposizione. Ma allo stesso tempo i cambiamenti vanno compresi, seguiti, accettati. Il web, i social, e tutti i mezzi digitali in generale danno anche vita a nuovi modi di leggere e pubblicare. Non buttiamoli via. Aiutiamoli, invece. I corsi di editoria, oggi, devono  sostenere e promuovere queste nuove forme di lettura.  Preferisco chi legge un romanzo su un Kindle a chi non legge affatto. Continuare con schemi mentali vetusti non aiuta, anzi. E chi si affaccia sul mondo del lavoro in questo preciso momento deve conoscere bene anche  i social, i libri pubblicati con Amazon e le piattaforme per stampare e mettere in commercio un’opera seguendo modalità alternative, e parallele, rispetto al libro cartaceo pubblicato dall’editore tradizionale. Ovviamente non significa distrarsi dall’editoria classica, ma accettare e studiare queste nuove possibilità. Perché i consulenti letterari possono sostenere gli autori esordienti in nuovi percorsi, senza tacere su un’eventuale assenza di talento che impedisce a un’opera, per noi del settore, di essere accompagnata verso una qualunque forma di “nascita”. Anzi, sta proprio a noi seguire con maggiore attenzione questi fenomeni maturando una responsabilità anche in questa direzione, perché se un autore si affida a un esperto ascolterà anche i consigli sul valore di ciò che ha scritto, e su come migliorare, o rinunciare alla pubblicazione. Anche questa è editoria. Nuova editoria. Insomma, dedichiamo tempo e risorse anche alle nuove modalità di lettura e fruizione. Ricordandoci sempre, ogni istante, che leggere rimane il punto centrale, l’elemento fondante. Per questo la lettura va difesa in ogni modo, sempre.

Flaubert scriveva "Come saremmo colti se conoscessimo bene soltanto cinque o sei libri".

Che significa?

Conoscere non è facile. Leggere non è facile.

Perchè troppo spesso ci distraiamo, corriamo veloci sulle pagine che invece richiedono accortezza, indagine, attenzione.

Non importa quale libro stiamo leggendo. Importa come leggiamo. Qui si gioca la differenza.

Per questo a volte leggiamo molto e  tuttavia non lo facciamo bene.

Leggere bene. Già.

La lettura è un'esperienza che può modificarci, se la viviamo davvero con ogni fibra del nostro essere.

Non a caso studi recenti hanno dimostrato che la lettura è in grado perfino di influenzare aree del cervello che si attivano davanti a un'esperienza vissuta come fosse "reale"..

Leggere è dunque vivere i libri. A patto che lo si faccia, appunto, per bene.

Bisogna arrivare a sentire quel "brivido sulla colonna dorsale" di cui tanto parla  Nabokov, maestro di scrittura e raffinato indagatore.

Come si comincia? Si comincia "ascoltando" ciò che leggiamo, educandoci a vedere, sentire, gustare, toccare.

La lettura è un'esperienza che coinvolge ogni nostro senso.

Guai a lasciare che i caratteri  depositati in quello spazio bianco rimangano così, come un corpo morto. Devono invece alzarsi in volo, vibrare, farsi materia vivente.

Ed ecco che allora la scrittura prende forma, vive in noi, ci arricchisce, ci fa crescere, ci rende migliori.

Ogni libro è un cammino.

Ogni libro è un'esperienza vissuta.

Ogni libro è un incontro con l'altro.

Ci sono libri che poi rimangono dentro di noi, come una memoria passata, e altri ai quali invece torniamo sempre, ogni volta con lo stesso desiderio, lo stesso stupore, la stessa meraviglia.

A me accade con Borges.

Ho sempre un suo libro accanto. E ogni volta che ne rileggo una pagina, ecco che l'emozione ritorna, aggiunge, scava nuovi spazi impensati, dà luogo a riflessioni inedite, diverse da quelle avute in precedenza.

Abbiamo tutti i nostri "libri magici", quelli che non finiscono mai.

Calvino diceva che i classici sono classici perchè non tramontano mai, sono sempre attuali.

Non possiamo sperare di innamorarci sempre di un libro, di avere sempre la fortuna di un colpo di fulmine.

I libri sono un po' come gli amori.

Ci sono quelli passionali, quelli più razionali. E poi ci sono gli amori tardivi, maturi, e quelli impetuosi della gioventù.

Ogni amore, però, lascia una traccia. Così come ogni libro.

L'imporante è leggere. Leggere bene.

 

 

editoria

 

Ho iniziato a insegnare tecniche di editoria e scrittura nel 2001.

All’epoca dirigevo l’agenzia letteraria Il Segnalibro. Cercavamo ragazzi in grado di fare le schede di valutazione. Dovevamo  anche rinnovare lo staff che si occupava di editing.

Ma mi rendevo conto che i laureandi, o laureati, non riuscivano a uscire dalle “gabbie accademiche” di un’università molto lontana, soprattutto allora, dal mondo professionale.

Esaminavano un testo come se dovessero fare un esame, non capivano la differenza fra l’approccio didattico che avevano loro insegnato e quello professionale, necessario in questo mestiere.

Fu così che pensai di fare un corso per redattori di case editrici e agenzie letterarie.

Fu il primo corso in Italia del genere: un taglio pratico, stages presso gli editori, professionisti del settore che tenevano le lezioni.

Fu un successo enorme, da nord a sud arrivavano frotte di allievi perché quello spazio professionale non era mai stato formato  adeguatamente.

Già da allora, però, non ho mai voluto fare test d’ingresso, chiudendo il corso quando il numero di allievi raggiungeva il numero previsto, il tetto fissato oltre il quale non volevo andare (la didattica prevede che gli allievi siano sempre seguiti, un numero alto non lo permette).

Perché questa scelta? Perché avevo già visto come molti consulenti brillanti non avessero una formazione specifica:  dopo un allenamento costante, volto al “saper fare”, riuscivano meglio di quelli con lauree e master.

Intendiamoci, la formazione universitaria è sempre utile. Ma non è determinante.

Negli anni, moltissimi allievi che oggi lavorano con successo nel mondo dell’editoria si sono formati senza nessuna laurea, o magari con lauree particolari, poco attinenti al settore.

Ne ricordo specialmente uno, che fuggiva dal mondo egli avvocati e che oggi dirige con successo una importante casa editrice.

Dunque è inutile fare test di ingresso. Alcuni li “usano” per mostrare che selezionano, in realtà basta una sana passione per la lettura, e un’assidua frequentazione con il mondo dei libri.

Il resto, lo si scopre “sul campo”.

Con molte sorprese.

L’esercizio e l’impegno personale contano tanto, tantissimo.

Alcuni  saranno più bravi nella correzione di bozze, che richiede precisione e lucidità, altri invece scopriranno di avere la sensibilità necessaria per lavorare come editor.

Si tratta di un viaggio, una scommessa.

Bisogna essere disposti a mettersi in gioco e imparare con umiltà.

Non servono né lauree ne test di ingresso.

Serve una immensa, gigantesca passione.

 

Francesca Pacini

 

 

leggere

 

Un paese che non legge è un paese che non cresce.

Un paese che non legge non sa discriminare.

Un paese che non legge è incapace di indagare la reatà, metterla alla prova graffiandone la superficie per guardare...un po' più un là.

Un paese che non legge non sa educare i suoi figli alle fiabe, al racconto che diventa meraviglia e saggezza.

Un paese che non legge è un paese incapace di dare un senso alle cose, di avere una visione.

Un paese che non legge commette il peggiore dei crimini: non consente l'educazione, generando infelici che si moltiplicano all'infinito.

Un paese che non legge non sa parlare di cultura, né capisce il significato di ciò che gli accade dentro e  intorno.

Un paese che non legge non conosce la beata intimità di una lentezza  isolata dal fracasso che ottunde.

Un paese che non legge è condannato a rimanere ostaggio di caste e di salottini per pochi eletti.

Un paese che non legge riununcia all'unica arma che cambia  il mondo e uccide solo l'ignoranza.

Un paese che non legge cerca rifugio nella lobotomizzazione della televisione.

Un paese che non legge non conosce la ricchezza dell'iammaginazione.

Un paese che non legge non sceglie, mai.

Un paese che non legge detesta i cervelli che pensano al di là dei recinti, e che sfuggono alla quotidiana obliterazione di pensieri omogeneizzati.

Un paese che non legge non sa scrivere.

Un paese che non legge è affilitto da ogni forma di potere e corruzione.

E ci relega, perpetuamente, ai confini del mondo.