default_mobilelogo

Editoriale

I corsi di editoria oggi: il mondo digitale

Chi lavora in editoria vede  questo mondo cambiare in continuazione.  La crisi del libro procede, ma allo stesso tempo il mondo digitale offre nuove opportunità. Alcune realtà  stanno implodendo ma altre stanno nascendo. Smettiamola di fare gli schizzinosi verso i kindle e le autopubblicazioni, cerchiamo invece di capire come cambiano le cose e cerchiamo soprattutto di salvare la lettura, in qu

...

Sulla scrittura

Per ricevere le ultime notizie su lavoro, editoria e formazione Iscrizione newsletter

Editoria e Scrittura su Facebook

Dicono di noi

Il giorno in cui sono diventata Virginia Woolf

virginia

Sì, sono diventata Virginia Woolf. Almeno sul web. Quando? Il 21 febbraio 2012. Dove? Nella pagina Facebook La Stanza di Virginia, collegata anche alla rivista web  che dirigo. In questa  pagina scrivo liberamente, citando anche autori, a volte.

Leggi tutto...

Road book - letture di strada

Leggere insieme: la comunità delle parole condivise scende in piazza e fa il giro di Roma.

 

Leggi tutto

 

 

I quaderni del MDS

Manoscritti d'autore

La mia Istanbul

la-mia-istanbul

Viaggio di una donna occidentale attraverso la Porta d'Oriente

> Leggi il primo capitolo

> Vai a lamiaistanbul.it

Francesca Pacini a RAI1

Il blog

Se a distanza di nove anni ripenso ancora con gratitudine al corso per redattore editoriale che ho frequentato, credo che la maggior parte del merito vada riconosciuta agli insegnanti che ho avuto, a chi quel corso lo ha pensato, strutturato, animato e reso vivo, facendone un momento fondamentale di didattica, approfondimento e scambio.

E dunque anche a  Francesca Pacini, che in quei mesi di corso è stata un punto di riferimento costante.

Preparata, competente, salda nella sua mitezza e sempre disponibile. Ma anche molto più di questo. Insieme agli altri insegnanti è stata per me una vera fonte di ispirazione. Non posso che essere riconoscente a chi per primo mi ha permesso di trasformare una passione, magari la vaga consapevolezza di un’attitudine, in un percorso professionale e di crescita personale, in una responsabilità che si rinnova quotidianamente.